Il Design per Bambini

...

L’artista designer milanese fu il primo, negli anni Cinquanta, a progettare sculture che potevano essere piegate e consegnate in una busta come biglietti d’auguri o gadget per i clienti delle ditte.

...

...

...

Queste opere rappresentano un’innovazione nel campo della scultura perché hanno caratteristiche a cui nessuno aveva mai pensato:

  • Sono economiche perché realizzate in cartoncino.
  • Sono facilmente riproducibili in legno o in metallo, come quelle in acciaio corten che si modifica con il tempo e le intemperie, visibili sul lungomare di Napoli e in altre città.
  • Sono leggere e trasportabili e l’artista me ha realizzata una in carta velina, leggera come un aquilone per i viaggi in aereo.
  • Sono pieghevoli come una sedia e occupano poco spazio.
  • Sono belle e “affettuose” e danno la possibilità a chi deve viaggiare di personalizzare una anonima stanza d'albergo con un’opera d’arte attraverso la quale trovare un legame con le proprie cose.

...

...

Abbiamo scoperto che alcune sculture si muovono!

...

Istruzioni per l'uso:

La scultura si presenta piegata in una busta. Si apre la busta e si estrae la scultura.
Per aprire la busta basta prendere con la mano sinistra il lato sinistro e con la mano destra il lato destro (il lato sinistro è di solito a sinistra e il destro è a destra, in caso contrario vuol dire che avete in mano la scultura rovesciata, cioè che la destra corrisponde alla sinistra e la sinistra è dall'altra parte. Se si prende il lato destro con la mano sinistra e il sinistro con la mano destra ci si trova imbarazzati nell'aprire l'oggetto benché questo fatto non sia poi tanto complicato).
Sedetevi e non preoccupatevi.
Aprite la finestra. Accendete la luce poiché intanto è venuta la sera. Per caso l'occhio vi capiterà sulla illustrazione che è assieme alla scultura. Di colpo tutto è chiaro.
Appoggiate la scultura su di un piano orizzontale (sul piano inclinato scivola) e prima di spegnere la luce osservate come questa illumina le varie parti sporgenti o rientranti, le parti piene e quelle vuote, giratela un poco spingendo leggermente con il dito medio della mano sinistra il lato destro, ecco, così è meglio. Voltatela dall'altra parte, cambia aspetto, i vostri pensieri da pratici diventeranno lentamente estetici (la velocità dipende da voi), non vi domanderete più "cusa l'è chel rob ki" e vi addormenterete felici.
Buona notte.

Testo tratto da:
Codice Ovvio di Bruno Munari
Einaudi, Torino 2008

...

...

Al termine del laboratorio, come si usa fare con le “sculture da viaggio”, le opere realizzate sono state imbustate e spedite direttamente al domicilio degli autori, delle associazioni e dei collaboratori coinvolti nell’organizzazione dell’evento.

...